MILENA MAESANI

SIAMO TUTTI LEGATI DA UN UNICO FILO

 

Laureata presso l’Accademia di Belle Arti Aldo Galli di Como, iscritta all’Ordine Nazionale dei Restauratori. Titolare dello Studio Maesani. Professionista polivalente con rara sensibilità, spazia dal restauro, alla ristrutturazione, all’alta decorazione e al relooking di ambienti pubblici e privati. Eclettica, brillante, curiosa, alla continua ricerca della materia.

Milena, quali sono le città che hai nel cuore? Perchè?

Fin da piccola sono stata abituata a viaggiare in aereo Milano/Sofia. Dall’ età di 5/6 anni i miei genitori (e li ringrazierò sempre per questo) mi mandavano da sola (cartellino al collo) a Sofia a casa dei miei nonni materni. Possiamo dire dai  miei grandma e grandpa, in inglese rende meglio l’idea, grande madre e grande padre e non semplicemente nonni. Sono loro che mi hanno dato l‘amore che oggi nutro per l’arte e per la musica la letteratura. Tutto questo è successo vivendo Sofia a 360 gradi per 3 mesi l’anno, con mio nonno Spiridon Tzetkov (Diado Spiro) e mia nonna Mariika  Bungiolova (baba Mice).

Nonno lavorava nel settore amministrativo come commercialista per il “CONI” Zentralen savet BSFSport (sportnata palata) del palazzo di Giustizia di Sofia “sadebnata palata” e per il “Touring Club “ centrale di Sofia. Era un appassionato podista, la mattina presto mi portava a correre nei boschi del parco di Boris (Borisovata gradina) un posto meraviglioso a 50 metri da casa nostra, e a vedere gli allenamenti delle campionesse di ginnastica ritmica e artistica ai palazzi sportivi.

Mia nonna mi portava nei suoi uffici in pieno centro dove svolgeva il lavoro amministrativo per due case editrici “Nauca e iskustvo” (scienza e arte) e “Nauka e Kultura” (scienza e cultura), di fronte alla Chiesa Russa vicino alla National Art Gallery. Passavo intere mattinate contornata da colonne di libri e grazie al suo amore per la cultura mi portava spesso a concerti, a vedere l’opera e spettacoli teatrali.

Mio zio, il  fratello di mia madre, è stato un professore universitario di matematica, decisamente un uomo in quadro ma, con un cuore enorme e morbido …  sono come una figlia per lui. Un altro zio Georghi Toshev, chiamato Beni, era un grafico impiegato nel mondo dell’arte, è stato il curatore della Galleria D’Arte della citta di Sofia (Sofiiska gradtza xudoscestvena galeria), e della Galleria dell’arte nel mondo (galeria sa ciusdestranni iskustva). Lui stesso artista, spesso mi illustrava mostre d’arte contemporanea. Gli artisti bulgari hanno un espressività unica, forte e autentica. Questa era l’aria che respiravo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *